Forum Psichiatrico
GL Pharma
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Rischio di eventi medici gravi nei pazienti con depressione trattati con terapia elettroconvulsivante


I precedenti studi che hanno esaminato il rischio di complicanze mediche associate alla terapia elettroconvulsivante hanno prodotto conclusioni non ben definite, e questo potrebbe aver contribuito al sottoutilizzo di questo approccio.

È stato confrontato il rischio di eventi medici gravi ( quelli che provocano il ricovero o la morte ), tra i pazienti con depressione sottoposti a terapia elettroconvulsivante rispetto ai pazienti che non hanno ricevuto la terapia elettroconvulsivante.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo abbinato per punteggio di propensione che ha utilizzato dati sanitari basati sulla popolazione di adulti ammessi in strutture psichiatriche designate in Ontario, Canada, per più di 3 giorni con depressione tra il 2007 e il 2017.

L'esposizione alla terapia elettroconvulsivante è stata definita da codici di procedura durante il ricovero.
L'unità di analisi erano i ricoveri individuali, e la corrispondenza per punteggio di propensione è stata utilizzata per abbinare ogni ricovero esposto a un ricovero non-esposto per stimare l'effetto medio del trattamento della terapia elettroconvulsivante tra quelli trattati.

L'esito primario era rappresentato da eventi medici gravi, un composito di ospedalizzazione per motivi medici ( motivi non-psichiatrici ) o morte non-suicida entro 30 giorni dall'esposizione alla terapia elettroconvulsivante o dalla data corrispondente nel gruppo non-esposto.

La modifica dell'effetto è stata esaminata utilizzando test di interazione per tre sottogruppi prespecificati clinicamente rilevanti ( sesso, presenza di sintomi psicotici e polarità della malattia ).
Gli esiti secondari erano l'ospedalizzazione medica e la morte non dovuta a suicidio separatamente, la morte per suicidio e specifici eventi medici gravi.

Nelle analisi abbinate per punteggio di propensione, c'erano 10.016 report di ospedalizzazione psichiatrica ( 6.628 donne, 3.388 uomini ) con età media di 56.6 anni e nessun dato etnico disponibile.
65.818 ricoveri erano idonei per l'abbinamento e 5.008 sono stati abbinati in ciascun gruppo di esposizione.

Nella coorte abbinata per punteggio di propensione, l'incidenza di eventi medici gravi è stata di 0.25 per anno-persona nel gruppo esposto e 0.33 per anno-persona nel gruppo non-esposto ( hazard ratio causa-specifico. HR=0.78 ).

La morte per suicidio come rischio concorrente non ha alterato questo risultato. Il rischio di morte per suicidio è risultato significativamente più basso nel gruppo esposto ( inferiore o uguale a 5 su 5.008 ricoveri ) rispetto al gruppo non-esposto ( 11 su 5.008 ricoveri, 0.2%; P minore di 0.03 ).

La depressione bipolare, rispetto alla depressione unipolare, è risultata associata a una maggiore riduzione del rischio di eventi medici gravi con la terapia elettroconvulsivante.
La terapia elettroconvulsivante non è stata associata a ospedalizzazione medica o a morte non-suicida separatamente, né ad alcun grave evento medico specifico.

Tra gli individui ospedalizzati con depressione, non sono state trovate evidenze di un aumento clinicamente significativo del rischio di eventi medici gravi con l'esposizione alla terapia elettroconvulsivante, e il rischio di suicidio è risultato significativamente ridotto, suggerendo che i benefici della terapia elettroconvulsivante per gli esiti della depressione potrebbero superare i suoi rischi in questa popolazione. ( Xagena2021 )

Kaster TS et al, Lancet Psychiatry 2021; 8: 686-695

Psyche2021 Med2021



Indietro