WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017
American Psychiatric annual meeting
XagenaNewsletter
EPA 2017

Predittori di recidiva del disturbo depressivo maggiore


Un totale di 201 pazienti con disturbo depressivo maggiore di quattro ospedali in Malesia sono stati seguiti per 5 anni per determinare i fattori prognostici del disturbo depressivo maggiore ricorrente con l'obiettivo di migliorare la gestione dei pazienti con questa patologia.

Per ogni singolo paziente, al momento del reclutamento nell'ambito dello studio caso-controllo, sono state raccolte informazioni sui recenti eventi minaccianti la vita, personalità e funzionamento sociale e occupazionale, e sono stati raccolti campioni di sangue per genotipizzare polimorfismi a singolo nucleotide del recettore della vitamina D ( VDR ), geni del trasportatore di zinco-3 ( ZnT3 ), trasportatore della dopamina-1 ( DAT1 ), fattore neurotrofico derivato dal cervello ( BDNF ), recettore della serotonina 1A ( HT1A ) e 2A ( HT2A ).

Gli individui con disturbo depressivo maggiore grave nei precedenti episodi depressivi maggiori presentavano un rischio cinque volte e mezzo più elevato di sviluppare recidive rispetto ai pazienti con disturbo depressivo lieve e moderato ( hazard ratio, HR = 5.565, IC al 95% = 1.631-18.994, p = 0.006 ).

Gli individui con un più alto punteggio nell'evitamento sociale avevano un rischio tre volte e mezzo più elevato di recidiva di disturbo depressivo maggiore ( HR = 3.525, IC al 95% = 1.349-9.209; p = 0.010 ).

E' stata riscontrata una significativa interazione tra polimorfismo a singolo nucleotide ApaI +64978C>A e gravità della malattia.

L'hazard ratio è aumentato di 6.4 volte per il disturbo depressivo maggiore da lieve e moderato a grave per il genotipo A/A mentre quello per il genotipo C/A è aumentato di 11.3 volte.

L'evitamento sociale e la gravità della depressione al primo episodio erano prognostici di recidiva.

Lo screening per i fattori di personalità al primo incontro con i pazienti con disturbo depressivo maggiore deve essere considerato come parte della pratica clinica.
Per coloro che sono a rischio di ricorrenza in relazione all'evitamento sociale, l'intervento psicologico dovrebbe essere personalizzato per concentrarsi su questo fattore modificabile. ( Xagena2020 )

Lye M-S et al, PLoS One 2020; 15: e0230363. doi: 10.1371 / journal.pone.0230363. eCollection

Psyche2020



Indietro